Regno Novelas

Passa al contenuto

  • Avviso
Attenzione! In rete su alcuni siti vendono telenovelas e hanno utilizzato tra varie foto alcune tratte dal forum Regno Novelas il quale è totalmente estraneo alla vendita. Grazie. Lo staff del Forum Regno Novelas
  • Riconoscimenti
miglior sito In classifica Uno dei più belli 10000 punti ottenuti 50000 punti ottenuti Sito d'argento Sito Gold sito web Super Sito Web

Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Questa serie, prodotta nel 2011, ha per protagonisti Megan Montaner ed Álex Gadea con Jordi Coll, Loreto Mauleón, María Bouzas, ecc. tra amori impossibili, vendette, tradimenti e segreti incofessabili , ha riscosso un grande successo di pubblico.

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » martedì 24 maggio 2016, 18:20

Da Vanity Fair:

[PEOPLE / GOSSIP]23.05.2016
Euridice Axen e Raùl Peña, è amore
L'attrice dice addio ai «vantaggi dell'essere single» per la star spagnola de Il Segreto. Tra loro è stato colpo di fulmine, e adesso si dividono tra Roma e Madrid

«Ti abitui a stare così bene da sola che poi è difficile rinunciare al mondo che hai creato. Per mettermi con una persona oggi devo stare molto meglio di come sto adesso, ne deve valere davvero la pena». Euridice Axen, 35 anni, alla fine del 2015 raccontava così a Vanityfair.it i vantaggi dell'essere single, in attesa dell'uomo giusto.

Che adesso, a quanto pare, è arrivato. Il cuore dell'attrice, che tornerà nella nuova stagione de Le tre rose di Eva, batte per un «amore spagnolo». Lui è Raúl Peña, 39 anni, tra i protagonisti de Il Segreto nei panni di Carmelo. I due hanno ufficializzato la relazione con una foto insieme, condivisa via social.

A presentarli, qualche mese fa, è stato il regista spagnolo Gabriel Olivares, con cui Euridice ha portato in scena Il Bagno. La scintilla è scattata subito, tanto che lei vive già tra Roma e Madrid, città di lui.

Il profilo social dell'attrice è infatti un susseguirsi di panorami e momenti di vita madrilena. D'altronde, come scrive lei stessa, «la cosa importante è guardare nella stessa direzione».
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » lunedì 30 maggio 2016, 21:37

Da Novella2000:

PER GLI ATTORI DE “IL SEGRETO” SOLO FIDANZATE ITALIANE: ADESSO LA VOLTA DI CARMELO E EURIDICE AXEN

Se c’è una cosa che accomuna gli attori de “Il segreto” è il fatto di fidanzarsi con donne italiane. Tra i primi c’è l’ex naufrago, punta di diamante della soap, Jonàs Berami che in Italia ha trovato successo e amore. Ha partecipato come tronista a “Uomini e Donne”, dove scelse Rama Lila Giustini ma, la loro relazione è durata qualche mese prima che la modella milanese decidesse di lasciarlo. Il secondo attore della soap spagnola fidanzato con un’italiana è Iago Garcia. La sua compagna non è famosa e lui è molto riservato sulla sua vita privata. E adesso è la vota di Carmelo ( Raúl Peña). L’affascinante e famoso attore ha fatto breccia nel cuore della bella attrice italiana Euridice Axen, star delle fiction “L’ispettore Coliandro, “Le tre rose di Eva” e “Ris”.

Tra i due è nata una vera passione, nonostante qualche mese fa l’attrice aveva dichiarato di essere felice della sua condizione da single: Ti abitui a stare così bene da sola che poi è difficile rinunciare al mondo che hai creato. Per mettermi con una persona oggi devo stare molto meglio di come sto adesso, ne deve valere davvero la pena.

Ma adesso nel suo cuore c’è Carmelo: con uno scatto condiviso sul suo profilo Instagram l’attrice ha sciolto il segreto ( notare il gioco di parole) immortalandosi con il suo nuovo fidanzato. Il bel 39enne è riuscito a far cambiare idea a Euridice sulla bellezza di essere single!
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » mercoledì 1 giugno 2016, 22:05

Da Corriere del Veneto:

GIUGNO ANTONIANO
Sant’Antonio debutta in televisione
Cameo nella telenovela «Il Segreto»

Nella serie nata in Spagna e trasmessa in Italia viene acceso un cero davanti alla figura del Santo

PADOVA E’ una «chicca» a lanciare quest’anno il giugno antoniano, il calendario di appuntamenti, celebrazioni e liturgia in onore del 13 giugno, la festa di Sant’Antonio. Il Santo infatti debutta nella telenovela più amata del momento, «Il Segreto», serie nata in Spagna nel 2011 dalla penna di Aurora Guerra e ora trasmessa anche in Italia, Francia, Ucraina, Regno Unito, Irlanda, America, Venezuela, Cile, Polonia, Serbia e Slovenia. Nella puntata andata in onda il 27 maggio nel nostro Paese — che conta oltre 4 milioni di fan — Fè, la governante della villa di Francisca Montenegro, in un momento di sconforto si rivolge al patrono di Padova. Una delle protagoniste, Maria, è appena andata all’incontro con il rapitore di sua figlia Esperanza, ucciso appunto da Francisca che poi viene ferita dalla stessa Maria.

In questo complicato intreccio mentre il capomastro della residenza, Mauricio, va a recuperare la proprietaria, Fè, sbrigando le faccende in cucina, esclama: «Io intanto accenderò un cero a Sant’Antonio da Padova. Ah, Sant’Antonio — sospira mentre bacia l’immaginetta del patrono — ora c’è un mucchio di gente scomparsa». La governante prende dal cassetto un cero da accendere davanti al santino di Antonio e la puntata si chiude. Si tratta di un «cameo», che però non è sfuggito a molti appassionati della telenovela ambientata in Spagna, nell’immaginario Puente Viejo, all’inizio del ‘900. E che ha visto uno dei protagonisti, ora usciti dalla serie, Jonas Berami, piazzarsi secondo all’«Isola dei famosi».


La sequenza in cui Fe, la governante della villa di Donna Francisca Montenegro, bacia il santino di Sant’Antonio (archivio):

Immagine
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » lunedì 6 giugno 2016, 22:33

I 10 matrimoni più ricordati delle serie di Antena 3.

Da Antena 3:

Así fueron las diez bodas más recordadas de Antena 3

Immagine

Antes de disfrutar de la boda de Carmen e Iñaki en 'Allí Abajo', repasamos algunas de las ceremonias de matrimonio que se han celebrado en las series de Antena 3.

1. La boda de Pepa y Tristán en 'El secreto de Puente Viejo'

Una de las bodas más recordadas de la historia de Antena 3 fue el enlace entre Pepa y Tristán en 'El secreto de Puente Viejo'. Francisca Montenegro trató de evitar por todos los medios que tuviera lugar esta ceremonia y maldijo a los novios tras su fracaso.


2. La boda de Cristina y Alberto en 'Velvet'

Cristina y Alberto nunca fueron la pareja ideal, pero esto no evitó que la boda del primogénito de los Márquez se convirtiera en una ceremonia de primer nivel en 'Velvet'.


3. La boda de Fara y Lucas en 'Mar de plástico'

El encarcelamiento de Fara en 'Mar de plástico' motivó a Lucas a casarse con ella para que la joven obtuviera la residencia española. A pesar de las duras circunstancias, la pareja rebosó felicidad cuando se dio el "sí quiero".


4. La boda del Capitán y Julia en 'El Barco'

La unión entre el capitán del Estrella Polar y la doctora Julia fue uno de los momentos álgidos de 'El Barco'. El novio llegó tarde a la ceremonia, pero todo salió según lo previsto.


5. La trágica boda de Sara y Lucas en 'Los hombres de Paco'

La pareja formada por Sara y Lucas en 'Los hombres de Paco' dejó huella en el corazón de los espectadores de Antena 3. Su boda resultó ser un momento muy dramático en la serie. ¿Recuerdas por qué?


6. La boda de Clara y Mateo en 'Velvet'

'Velvet' ha sido una de las series que más enlaces matrimoniales ha presenciado. Clara también logró pasar por el altar, a pesar de las muchas reticencias de "Mateíto", el eterno soltero.


7. La boda de Leonor y Miguel en 'Amar es para siempre'

Leonor y Miguel han sido los últimos en casarse en 'Amar es para siempre'. La pareja, marcada por sus diferencias políticas, contrajo matrimonio en un emocionante capítulo grabado en un cortijo a las afueras de Madrid.

8. La boda gitana de Saray en 'Vis a Vis'

La boda de Saray en 'Vis a Vis' es un ejemplo clásico de boda por conveniencia. A pesar de que la joven es lesbiana, su familia le obliga a casarse con un hombre bajo la amenaza de ser expulsada de su clan.


9. La boda de Rita y Pedro en 'Velvet'

Otra boda más de 'Velvet'. Rita y Pedro han sido siempre dos de los personajes más queridos de las galerías. Por este motivo, la unión de esta pareja se convirtió en uno de los momentos más emocionantes de la serie.


10. La doble boda entre Sol y Lucas y Severo y Candela en 'El secreto de Puente Viejo'

'El secreto de Puente Viejo' vivió una de las bodas más curiosas: se casaron al mismo tiempo la pareja formada por Sol y Lucas, y la pareja de Candela y Severo.
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » domenica 10 luglio 2016, 23:17

Articolo su Jorge Pobres, ex Anibal di Il Segreto, che entra nel cast di Una Vita da Teleprograma:

FUE ANÍBAL EN ‘EL SECRETO DE PUENTE VIEJO’
Jorge Pobes, nuevo fichaje de ‘Acacias 38’
El actor zaragozano se incorpora a las filas de la telenovela de La 1 pero ya sabe lo que es rodar a ritmo de una serie diaria

La telenovela de sobremesa de La 1, Acacias 38, tiene un nuevo fichaje. Se trata de Jorge Pobes, joven actor de Zaragoza al que ya pudimos ver en El secreto de Puente Viejo dando vida a Aníbal.
En esta ocasión, interpretará a Liberto, el sobrino de Susana (Amparo Fernández), el cual compartirá trama con la familia de los Hidalgo compuesta por Leonor (Alba Brunet), Rosina (Sandra Marchena) y Pablo (Carlos Serrano-Clark).
Su primera aparición en la telenovela será a partir del viernes 15 cuando la viuda encargue al joven matrimonio enseñar la ciudad a su sobrino.
El actor se incorporó hace más de un mes a los trabajos de rodaje de la serie y ha compartido con sus seguidores algunas fotografías de momentos detrás de las cámaras.
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » lunedì 11 luglio 2016, 22:45

Da Tv Sorrisi e Canzoni:

Aurora de Il Segreto: «Sogno di diventare regista»
Ariadna Gaya che interpreta Aurora ne Il Segreto si racconta a Sorrisi

11 Luglio 2016 di Michele Borghi

Un’estate da incorniciare per Aurora Castro. La giovane e sfortunata levatrice di «Il segreto» interpretata da Ariadna Gaya può finalmente sorridere. La ruota gira a Puente Viejo e i telespettatori della celebre soap spagnola lo sanno bene. E per la figlia di Pepa si profila il grande amore: dopo la dichiarazione del medico 
Lucas Moliner (Alvaro 
Morte) le nozze dovrebbero
 essere imminenti. «Grazie
 al cielo la lunga sequenza
 di umiliazioni sta per finire» 
ha anticipato Ariadna.

Così 
l’assassinio di Conrado 
(Ruben Serrano) per mano
 dell’ex fidanzata Alicia 
(Paula Cancio) e i complotti della perfida Donna Francisca (Maria Bouzas) saranno presto solo brutti ricordi. «Il ruolo di Aurora è stato un dono, nonostante gli inizi siano stati difficili soprattutto per i ritmi sul set. Ma ora l’affetto degli ammiratori mi ripaga di ogni fatica» ha raccontato l’attrice, a suo agio 
sul palco fin da piccola. Se pensiamo al suo futuro professionale, possiamo immaginarla però impegnata anche dietro la macchina da presa. «Sarebbe bellissimo diventare
 una regista, mi sono avvicinata a questa professione proprio per scoprire che cosa accade “dietro le quinte” e per la voglia di creare qualcosa di nuovo».

Mamma e papà, i più grandi fan
Tra un ciak e l’altro, la beniamina di
 Canale 5 si ritaglierà qualche giorno di relax: «Adoro conoscere nuovi luoghi e culture. Sono stata parecchie volte a Roma, Milano, Firenze, Venezia e conservo bellissimi ricordi». E ne approfitterà per trascorrere un po’ di tempo con i genitori, i suoi fan più accaniti. «Non perdono una puntata di “Il segreto”. Loro vivono a Barcellona, io a Madrid, ma così è come se fossi ancora a casa».
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » giovedì 21 luglio 2016, 22:10

Articolo dalla rivista In Famiglia:

Immagine
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » lunedì 1 agosto 2016, 13:21

Articolo sulle comparse:

Immagine
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » martedì 9 agosto 2016, 13:53

Da Il Giornale di Bari:

Salute & Medicina Psicologia

“Il Segreto”, i benefici delle soap opera e i motivi del successo

Scene di vita quotidiana:

Una sera dovevo recarmi a casa di una mia cara parente ed, essendo tarda ora, l’ho contattata telefonicamente per chiederle se la disturbassi. La risposta: “No, non ti preoccupare! C’è “Il segreto” stasera, finché non finisce non vado a dormire”.
In spiaggia un gruppo di donne portava avanti una discussione animata su una certa Donna Francisca, al punto di farmi pensare che avessero dei contatti con la mafia, ma poi ho capito…
Le Soap opera rappresentano un fenomeno televisivo di costante successo, che vedono la loro nascita nel mondo della radio per pubblicizzare prodotti come detersivi e saponi, indirizzandosi ad una categoria di consumatori ben precisa: le casalinghe.

Ad oggi parte dell’utenza della soap opera è rimasta invariata, ma accanto a donne casalinghe, ritroviamo donne in carriera, studenti, operai, persino bambini che affiancano i loro genitori nella visione.

Sebbene si possa pensare che solo le donne guardino soap opera poiché hanno un maggiore coinvolgimento rispetto a determinati temi, non è più possibile circoscrivere i telespettatori ad una cerchia ben precisa, quindi sarebbe adeguato non limitarsi ad una visione superficiale e denigratoria del fenomeno, ma cercare di analizzarlo e capirlo, perché se negli anni continua ad avere un costante consenso sempre più diversificato non è di certo perché la stragrande maggioranza del popolo è formato da donne casalinghe.

L’elemento caratterizzante delle soap opera, così come le telenovele, è che non si giunge mai ad una soluzione definitiva delle vicende: i continui intrecci mantengono tutto sospeso, fomentando curiosità per quello che succederà. Ciò che spinge la visione non è solo la curiosità, ma anche le continue ipotesi sui probabili svolgimenti degli eventi e sui possibili comportamenti dei partecipanti. Infatti i personaggi vengono designati con delle caratteristiche personali abbastanza stabili e definite: c’è il buono, c’è il cattivo (ho capito, lei è donna Francisca), c’è la vittima. Questo porta il telespettatore ad aspettarsi determinate azioni e comportamenti e ad essere stupito quando questo non succede. L’identificazione dei personaggi è inoltre caratterizzata da semplici etichettature che facilitano l’inquadramento dei personaggi, creando o evidenziando determinati stereotipi (il contadino, l’avvocato, il negoziante).

Altro aspetto importante è che, sia che abbiano un’ambientazione in tempi passati, sia che rappresentino tempi moderni, il numero di personaggi è sempre ristretto e le vicende si svolgono in un numero limitato di luoghi: poche case, qualche negozio. In questo mondo si conoscono gli ambienti e si inizia ad avere una certa familiarità con questi, tutti elementi che coinvolgono il telespettatore in quanto si sente a casa.

Quando ho chiesto a qualche fedele telespettatore se ritenesse che ciò che viene trasmesso nel “Segreto” rispecchiasse o meno la realtà mi è stato risposto che si, le caratteristiche di personalità sono presenti nel nostro mondo e tutte le cattiverie che vengono fatte vedere le riscontrano anche nel mondo reale. Questa risposta apre due riflessioni.

La prima riguarda il fatto che la soap opera proponga dei tipi di relazioni interpersonali che cerchino di abbracciare quanto più possibile le reali interazioni sociali: in questo modo il telespettatore entra nell’intimità di una coppia, tifa per una storia d’amore, si affeziona ai personaggi. Il tutto non si restringe solo ad un puro e semplice guardare, ma dato il grande numero di telespettatori, è possibile condividere, confrontarsi, provare insieme gioia e felicità, il tutto avvantaggiato dall’uso dei social network. Infatti uno studio pubblicato sulla rivista “Trends in Cognitive Sciences” ha dimostrato che la fiction ha un effetto positivo sul cervello poiché contribuisce ad aumentare l’empatia nei confronti degli altri e può aiutare a riflettere sulla propria esperienza sociale.

La seconda riflessione è data dal fatto che la maggior parte delle storie sono storie tristi, piene di difficoltà, tormentate e se sono presenti storie felici il telespettatore non è coinvolto, neanche le ricorda. Sebbene nel “Segreto” sia di certo presente un barlume di luce, pochi lo ricordano o gli danno rilievo. Il ricordare aspetti negativi ha un valore compensatorio per quelle che sono le tristezze della propria vita quotidiana e la speranza di una risoluzione positiva aumenta la speranza che il bene prevalga nella nostra vita reale.

Dietro un successo di tale portata ci sono scelte ben precise, studiate, valutate, monitorate. Non è puramente questione di uomini e donne, non è puramente questione di generi o di età. Potrà essere facile additare negativamente questi telespettatori, ma data la negatività che ci circonda, non è detto che sia così sbagliato lasciarsi coinvolgere dalla speranza che tutto finisca bene.
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

Re: Il Segreto/El secreto de Puente Viejo Rassegna stampa

Messaggioda veu » venerdì 12 agosto 2016, 10:53

Articolo su Alvaro Morte (Lucas) da TelePrograma:

INTERPRETA A LUCAS MOLINER EN LA TELENOVELA DE ANTENA 3
Álvaro Morte, de ‘El secreto de Puente Viejo’: “Cuando me enamoro, lo hago a tope”
El actor, que superó una grave enfermedad en la vida real, es padre de mellizos y un apasionado del deporte y la cocina.

Habitual en series de época, Álvaro Morte encarna a un médico de principios del siglo XX en El secreto de Puente Viejo. El actor, experto en Shakespeare y en teatro isabelino, trabajó como profesor de interpretación en Finlandia y tiene una compañía, 300 pistolas. Aunque ahora su pasión es otra, sus mellizos de 2 años, León y Julieta: “Llevo año y medio sin dormir”, dice encantado.
En la novela, Lucas se atreve con todo. ¿Tú eres así?
El miedo me gusta porque enseña lo que tienes que superar, un camino para avanzar. Soy optimista por naturaleza. Si algo me asusta, voy a por ello.
¿Te ha dado suerte la paternidad?
Mucha. El principio de El secreto… fue duro. Una serie diaria requiere esfuerzo y en casa había que ayudar porque mi mujer [Blanca Clemente] ya tenía bastante con dos niños pequeños.
¡Te sienta bien el traje de época!
¡Sí, y me he acostumbrado a usar sombrero! Mi mujer es estilista y si digo que no me interesa la moda, me corta el cuello (risas).
¿Se gana mucho como productor, director y actor?
¡Qué va, lo justito! Lo del 21 por ciento nos está machacando. Además, los ayuntamientos que te contratan, te pagan al cabo de un año y tienes que adelantar los billetes para trasladar a la compañía, costear el hotel…
¿De quién has heredado la vena artística?
Mi madre es ama de casa, pero una artista de la cabeza a los pies. Pinta cuadros de óleo, canta en una coral… ¡Para todo es primorosa! Cose como los ángeles, hace encaje de bolillos… Y de mi padre he heredado la vena emprendedora.
En Puente Viejo dejas todo por la medicina.
Sí, y en la vida real dejé Telecomunicaciones por Arte Dramático. Mi padre se echó las manos a la cabeza y me dijo: “¿Pero de qué vas a comer?”.
Entonces… ¿cambiaste ciencias por letras?
Sí, soy de ciencias puras. Y las grandes civilizaciones aúnan ambas materias. Pitágoras, por ejemplo, era matemático y filósofo; Leonardo Da Vinci, pintor e ingeniero…
¿Crees en el amor pasional como el doctor Moliner?
Cuando me enamoro, es a tope, pero no es lo mismo a los 20 años que a los 41. Ahora me exijo reír con mi pareja todos los días para que ambos nos ayudemos a crecer y sumemos. Soy cariñoso y antes de ser padre ya era el tío Álvaro para mi sobrina.
¿Qué te define?
Hace ocho años padecí un tumor canceroso en una pierna; al principio creía que me iba a morir, que me cortaban la pierna… Y no ha pasado nada. Pero en ese tiempo pensaba: si me muero dentro de tres meses, ¿puedo hacerlo tranquilo? ¿He respetado a la gente que me rodea y que me quiere? ¿He sido fiel a mis principios? Eso me ha llevado a disfrutar del momento y a que no haya nada que me quite el buen humor.
¿Cuáles son tus aficiones?
Procuro hacer deporte, pero siempre a mi bola, en la calle, no me gusta el gimnasio. También soy muy cocinillas. En casa cocino yo y me gusta emplatar con gusto, aunque sea para Blanca y para mí.

LA FAMILIA CRECE
Lucas Moliner (Álvaro Morte) está locamente enamorado de su esposa, Sol Santacruz (Adriana Torrebejano), 
y en próximos episodios ambos se plantean adoptar 
a Marcos, el pequeño afectado por unas vacunas 
en mal estado que han acogido en su casa.
veu
Amatore
Amatore
 
Messaggi: 3014
Iscritto il:
domenica 28 novembre 2010, 22:25

PrecedenteProssimo

Torna a Il segreto - El secreto de Puente Viejo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

regnonovelas.altervista.org indicizzazione motori ricerca PageRankTop.com

  • Link utili